Archivio mensile:marzo 2013

604100_494123517291481_1423547485_n

Annunci

La Leyenda Del…

eeeeessssspàntapajaros!!!

Ho cresciuto mia figlia perché sia libera! (di stupri e di omertà)

Ho cresciuto mia figlia perché sia libera! (di stupri e di omertà).

Nostrani.. Nostri!

Pistol Press

1

Dopo La Battaglia

Visione di un nuovo mondo
Uno spettacolo dal forte contenuto visivo e narrativo. Gli attori irrompono continuamente nell’inatteso, in un mare in perenne metamorfosi, dove la salvezza possibile avviene dopo l’inevitabile naufragio. Con la collaborazione della danzatrice Marigia Maggiopinto, già storica componente della componente di Pina Bausch, Pippo Delbono fiancheggia e sospinge i suoi compagni sulla scena di uno spazio neutro, crocevia dell’immaginario, dove scorrono le figure del nostro mondo, dove vivono i vizi e le miserie di un popolo ingabbiato e cieco. Vi rieccheggiano, in un rito insieme laico e sacrale, brani tratti dagli autori amati da Delbono: Antonin Artraud, Franz Kafka, Alda Merini, Pier Paolo Pasolini, Walt Whitman, Rainer Maria Rilke, Alejandra Pizarnik. Versi e parole che accadono sulle note di Giuseppe Verdi, Niccolò Paganini e Péter Ilic Cajkovskij, intrecciate alla musica originale del violinista e compositore contemporaneo Alexander Balanescu.

Danza, musica e parole
Dinnanzi all’ultimo spettacolo di Pippo Delbono (Varazze, 1959) ci si ritrova come all’inizio di un viaggio visionario, sulla soglia di una sequenza di quadri, nel corpo di una drammaturgia che ci mostra, senza falsi pudori, la verità della follia. Dopo la battaglia é una composizione artistica che in flusso continuo trova il ritmo proprio della danza e della musica e cerca nelle parole e nei versi l’accordo di emozioni e linguaggi. Uno spettacolo “internazionale”, come lo sono sempre più quelli di Delbono (Il teatrante italiano più noto all’estero), che rappresenta una tappa importante nel percorso artistico del regista-attore e immette una linfa nuova nel suo linguaggio, puntando su effetti video e atmosfere cinematografiche, su immagini realizzate da lui stesso con il telefono cellulare.

con
Dolly Albertin, Gianluca Ballaré, Bobò, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Marigia Maggiopinto, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella
con la partecipazione di Alexander Balanescu

regia: Pippo Delbono
scene: Claude Santerre
costumi: Antonella Cannarozzi
musiche originali: Alexander Balanescu
luci: Robert John Resteghini

http://www.pippodelbono.it/

€xPezzi.. d.In.d.In..

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/03/22/Ex-fidanzata-Trota-giudici-me-frega-se-avete-tonache_8445965.html

Tonaco

Rosso
!
Senza.Dubbia.Mente
.

Finanza.. “Creativa”

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/03/19/Porto-Fiumicino-arrestato-Bellavista-Caltagirone_8423277.html

Avere la vista lunga.. oltre che bella (uveiti permettendo)

Paga! (quasi al pari della Semplicità)

Buon Risveglio A Tutti I “P.iOnieri” Ancora In Circolazione..

🙂

https://radiocrosslime.wordpress.com/2013/03/13/bruscoloni/#comments

—>

Night.

Troppo tardi.

Troppo tardi..