I Giorni Dell’Arcobaleno

Annunci

Informazioni su radiocrosslime

Radio Cross Lime Nasce Il 1° Giugno 2011, Proponendosi Come Progetto Webradiofonico Di Condivisone e Aggregazione, No Profit, Dove Idee, Voci e Musica Fluttuano In Totale Libertà! Qui Troverete Interessanti Format Radiofonici, Informazione, Approfondimenti e Divertimento 24 Ore Su 24! All Day And Of The Night On radiocrosslime.com Stay Tuned!

Pubblicato il 26 aprile 2013 su Radio Cross Lime. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. “Vorrei porre l’attenzione sul discorso, molto bello, di Saviano a Servizio Pubblico.

    Saviano ha ragione, MA c’é un MA.
    Il referendum dell’88 ebbe successo anche perché Pinochet fu abbandonato da tutti, dai suoi gerarchi e dai suoi piú stretti collaboratori, i quali si rifiutarono di ricorrere alle armi per sovvertire l’esito del referendum. Pinochet fu addirittura abbandonato dagli USA (che scoprirono improvvisamente che era un gran cattivone).
    Non sono dettagli da poco: se Pinochet non fosse stato lasciato solo, l’ondata di cambiamento sarebbe stata repressa col sangue (a meno di non pensare che un sanguinoso dittatore si sia fatto intimorire da un referendum).

    Il punto é che qui crolla il parallelo con la situazione politica italiana (a parte il fatto che l’Italia non é una dittatura e che gli Italiani, se vogliono, hanno una informazione alternativa cui possono far riferimento): il problema non é uno (Berlusconi), É UN SISTEMA INTERO, marcio e connivente, che ha TUTTI gli interessi a sostenere Berlusconi, il quale dunque NON verrá mai messo con le spalle al muro dai suoi.

    Il M5S propone reddito di cittadinanza e tagli alla politica (tra le varie cose) e giá solo per questo viene tacciato d’esser utopista. Se incominciasse a parlare di un “futuro allegro” verrebbe affossato da chi sta giá tentando in tutti i modi di affossarlo.

    La violenza (fisica e verbale) é sempre stata rigettata dal M5S. Tuttavia, la rabbia, nei limiti della civiltá, non deve essere criminalizzata.
    In Italia pare che il rispetto per chi delinque abbia la prioritá sulla denuncia dell’atto criminoso. Questo non va bene.

    Per inciso, gli Italiani si ribellano molto difficilmente(si dice siano portati per essere comandati), vogliamo dargli almeno la possibilitá di gridare la loro rabbia? O demonizziamo anche la piazza? Che diritto rimane allora? Continuiamo a farci prendere per il culo sognando che qualcuno ci regali un futuro di pace e allegria?” Anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: